FrancescoLoliva
Un cardiologo con la passione per la fotografia.
CASTELLO ARAGNESE - Il castello aragonese (o castel Sant'Angelo), con la sua pianta quadrangolare e il vasto cortile centrale, occupa l'estremo angolo dell'isola su cui sorge il borgo antico della città di Taranto.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
1 / 18 ‹   › ‹  1 / 18  › pause play enlarge slideshow
CASTELLO ARAGNESE
Il castello aragonese (o castel Sant'Angelo), con la sua pianta quadrangolare e il vasto cortile centrale, occupa l'estremo angolo dell'isola su cui sorge il borgo antico della città di Taranto.
TARANTO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
2 / 18 ‹   › ‹  2 / 18  › pause play enlarge slideshow
IL PONTE GIREVOLE - Il ponte di San Francesco di Paola di Taranto è la struttura che collega l'isola del Borgo Antico con la penisola del Borgo Nuovo. Inaugurato il 22 maggio 1887 dall'ammiraglio Ferdinando Acton, il ponte sovrasta un canale navigabile lungo 400 metri e largo 73 metri che unisce il Mar Grande al Mar Piccolo.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
3 / 18 ‹   › ‹  3 / 18  › pause play enlarge slideshow
IL PONTE GIREVOLE
Il ponte di San Francesco di Paola di Taranto è la struttura che collega l'isola del Borgo Antico con la penisola del Borgo Nuovo. Inaugurato il 22 maggio 1887 dall'ammiraglio Ferdinando Acton, il ponte sovrasta un canale navigabile lungo 400 metri e largo 73 metri che unisce il Mar Grande al Mar Piccolo.
IL MERCATO DEL PESCE
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
4 / 18 ‹   › ‹  4 / 18  › pause play enlarge slideshow
IL MERCATO DEL PESCE
SULLO SFONDO I FUMI DELL'EX ILVA
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
5 / 18 ‹   › ‹  5 / 18  › pause play enlarge slideshow
SULLO SFONDO I FUMI DELL'EX ILVA
IL BORGO ANTICO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
6 / 18 ‹   › ‹  6 / 18  › pause play enlarge slideshow
IL BORGO ANTICO
TARANTO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
7 / 18 ‹   › ‹  7 / 18  › pause play enlarge slideshow
SKUMA - La leggenda narra che quando Taranto era la capitale della Magna Grecia, ed essendo bagnata da due mari, divenne meta preferita delle sirene che decisero di risiederci in modo stabile costruendoci il loro castello incantato.
In quell’epoca viveva a Taranto una coppia di sposi, lei bellissima, lui un imponente pescatore.
A causa del suo mestiere il giovane pescatore era costretto a star fuori dalla propria città tutto il giorno e a volte anche svariati giorni.
La bellezza di lei fu notata da un ricco signore il quale cominciò a provare interesse per la sposa solitaria e approfittando della mancanza del marito incominciò a corteggiarla. Con il passare del tempo riuscì un giorno a sedurla.
La sposa preda del rimorso, confessò tutto al marito, il quale la condusse con una barca in alto mare e la spinse in acqua facendola annegare.

Le sirene arrivarono in suo soccorso appena in tempo, ed essendo ammaliate dalla sua bellezza la proclamarono loro regina, dandole il nome di Schiuma (Skuma), perchè condotta dalle onde.
Nel frattempo il pescatore si pentì del suo gesto e pensandola morta, tornò più volte nel punto in cui la giovane moglie era affogata, piangendo ore e ore.
Le sirene incuriosite dal suo comportamento decisero di impadronirsi della sua barca facendolo cadere in acqua. Lo condussero al castello incantato per far decidere alla regina cosa farne. Skuma lo riconobbe è pregò le sue amiche sirene di non fargli del male. Così lo ricondussero svenuto sulla riva lasciandolo li fino al mattino. Quando il pescatore si risvegliò capì che la sua sposa non era morta è capì che nulla era più importante che ricongiungersi alla sua sposa. Così si rivolse a una giovane fata, che gli svelò il modo per liberare la sua dolce sposa cogliendo l’unico fiore di corallo bianco dal giardino delle sirene.
Il giorno successivo il pescatore si procurò un altra barca e arrivato in alto mare, iniziò ad urlare il nome della moglie. Skuma a questo punto fuggì dal castello è riuscì ad riabbracciare il giovane pescatore.
Prima di lasciarla ritornare dalle sirene, il pescatore riferì a Skuma il modo per poterla liberare e cioè quello di prendere l’unico fiore di corallo bianco dal giardino delle sirene. Così Skuma elaborò un piano da effettuare il mattino seguente.
Il pescatore usò tutti i risparmi per comprare bellissimi gioielli, li mise in barca e si addentrò nel golfo di Taranto. Le sirene lasciarono incustodito il castello perché ingolosite da gemme e pietre preziose.
Così Skuma riuscì a rubare il fiore di corallo ed a consegnarlo alla fata che la attendeva sulla riva, la quale fece alzare una grossa onda che spazzò via tutte le sirene.
Purtroppo il pescatore non fece in tempo ad allontanarsi e fu travolto dalla stessa onda.
Skuma, rimasta sola decise di prendere i voti e divenire monaca.
La tradizione popolare vuole che, da quel giorno, nelle notti di plenilunio, Skuma, vestita da monaca, si aggiri per il Golfo di Taranto sperando nel ritorno dell’amato. Da questa leggenda, deriverebbe il nome di una delle Torri abbattute del Castello Aragonese, quella detta, “Torre della Monacella”.
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
8 / 18 ‹   › ‹  8 / 18  › pause play enlarge slideshow
SKUMA
La leggenda narra che quando Taranto era la capitale della Magna Grecia, ed essendo bagnata da due mari, divenne meta preferita delle sirene che decisero di risiederci in modo stabile costruendoci il loro castello incantato.
In quell’epoca viveva a Taranto una coppia di sposi, lei bellissima, lui un imponente pescatore.
A causa del suo mestiere il giovane pescatore era costretto a star fuori dalla propria città tutto il giorno e a volte anche svariati giorni.
La bellezza di lei fu notata da un ricco signore il quale cominciò a provare interesse per la sposa solitaria e approfittando della mancanza del marito incominciò a corteggiarla. Con il passare del tempo riuscì un giorno a sedurla.
La sposa preda del rimorso, confessò tutto al marito, il quale la condusse con una barca in alto mare e la spinse in acqua facendola annegare.

Le sirene arrivarono in suo soccorso appena in tempo, ed essendo ammaliate dalla sua bellezza la proclamarono loro regina, dandole il nome di Schiuma (Skuma), perchè condotta dalle onde.
Nel frattempo il pescatore si pentì del suo gesto e pensandola morta, tornò più volte nel punto in cui la giovane moglie era affogata, piangendo ore e ore.
Le sirene incuriosite dal suo comportamento decisero di impadronirsi della sua barca facendolo cadere in acqua. Lo condussero al castello incantato per far decidere alla regina cosa farne. Skuma lo riconobbe è pregò le sue amiche sirene di non fargli del male. Così lo ricondussero svenuto sulla riva lasciandolo li fino al mattino. Quando il pescatore si risvegliò capì che la sua sposa non era morta è capì che nulla era più importante che ricongiungersi alla sua sposa. Così si rivolse a una giovane fata, che gli svelò il modo per liberare la sua dolce sposa cogliendo l’unico fiore di corallo bianco dal giardino delle sirene.
Il giorno successivo il pescatore si procurò un altra barca e arrivato in alto mare, iniziò ad urlare il nome della moglie. Skuma a questo punto fuggì dal castello è riuscì ad riabbracciare il giovane pescatore.
Prima di lasciarla ritornare dalle sirene, il pescatore riferì a Skuma il modo per poterla liberare e cioè quello di prendere l’unico fiore di corallo bianco dal giardino delle sirene. Così Skuma elaborò un piano da effettuare il mattino seguente.
Il pescatore usò tutti i risparmi per comprare bellissimi gioielli, li mise in barca e si addentrò nel golfo di Taranto. Le sirene lasciarono incustodito il castello perché ingolosite da gemme e pietre preziose.
Così Skuma riuscì a rubare il fiore di corallo ed a consegnarlo alla fata che la attendeva sulla riva, la quale fece alzare una grossa onda che spazzò via tutte le sirene.
Purtroppo il pescatore non fece in tempo ad allontanarsi e fu travolto dalla stessa onda.
Skuma, rimasta sola decise di prendere i voti e divenire monaca.
La tradizione popolare vuole che, da quel giorno, nelle notti di plenilunio, Skuma, vestita da monaca, si aggiri per il Golfo di Taranto sperando nel ritorno dell’amato. Da questa leggenda, deriverebbe il nome di una delle Torri abbattute del Castello Aragonese, quella detta, “Torre della Monacella”.
SKUMA
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
9 / 18 ‹   › ‹  9 / 18  › pause play enlarge slideshow
SKUMA
MARINA DI PULSANO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
10 / 18 ‹   › ‹  10 / 18  › pause play enlarge slideshow
MARINA DI PULSANO
MARINA DI PULSANO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
11 / 18 ‹   › ‹  11 / 18  › pause play enlarge slideshow
MARINA DI PULSANO
TARANTO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
12 / 18 ‹   › ‹  12 / 18  › pause play enlarge slideshow
EX ILVA
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
13 / 18 ‹   › ‹  13 / 18  › pause play enlarge slideshow
EX ILVA
TARANTO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
14 / 18 ‹   › ‹  14 / 18  › pause play enlarge slideshow
TARANTO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
15 / 18 ‹   › ‹  15 / 18  › pause play enlarge slideshow
TARANTO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
16 / 18 ‹   › ‹  16 / 18  › pause play enlarge slideshow
TARANTO
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
17 / 18 ‹   › ‹  17 / 18  › pause play enlarge slideshow
CORSO VITTORIO EMANUELE
aggiungi al carrello
add to shopping cart

Opzioni disponibili
Options available
18 / 18 ‹   › ‹  18 / 18  › pause play enlarge slideshow
CORSO VITTORIO EMANUELE

TARANTO

Link
https://www.francescololiva.it/taranto-r12808

Share link on
CLOSE
loading