FrancescoLoliva
Un cardiologo con la passione per la fotografia.
Options
1 / 43 ◄   ► ◄  1 / 43  ► pause play enlarge slideshow
È nella zona dell’acropoli che sono state trovate le più antiche tracce della presenza dell’uomo a Egnazia, datate all’età del Bronzo medio. Testimonianza della continuità della vita nelle epoche successive sono gli edifici di culto, tra cui l’imponente santuario traianeo dedicato a Venere realizzato in età romana (II secolo d.C.).
Il Parco Archeologico
Options
2 / 43 ◄   ► ◄  2 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Il Parco Archeologico
È nella zona dell’acropoli che sono state trovate le più antiche tracce della presenza dell’uomo a Egnazia, datate all’età del Bronzo medio. Testimonianza della continuità della vita nelle epoche successive sono gli edifici di culto, tra cui l’imponente santuario traianeo dedicato a Venere realizzato in età romana (II secolo d.C.).
Options
3 / 43 ◄   ► ◄  3 / 43  ► pause play enlarge slideshow
LA NECROPOLI
Options
4 / 43 ◄   ► ◄  4 / 43  ► pause play enlarge slideshow
LA NECROPOLI
Options
5 / 43 ◄   ► ◄  5 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
6 / 43 ◄   ► ◄  6 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
7 / 43 ◄   ► ◄  7 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
8 / 43 ◄   ► ◄  8 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Le tombe messapiche scoperte nelle necropoli presentano spesso decorazioni pittoriche che forniscono preziose informazioni relative alla cultura e alle credenze sull’aldilà diffuse tra il IV e II secolo a.C. Oltre agli affreschi, l’alto tenore di vita si evince dalla presenza di numerose tombe a camera – stanze sotterranee di grande dimensione scavate per intero nella roccia – e a semicamera, di grandezza inferiore. La realizzazione di tombe monumentali di carattere familiare, testimonia la presenza di una classe aristocratica emergente.
Options
9 / 43 ◄   ► ◄  9 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
10 / 43 ◄   ► ◄  10 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
11 / 43 ◄   ► ◄  11 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
12 / 43 ◄   ► ◄  12 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
13 / 43 ◄   ► ◄  13 / 43  ► pause play enlarge slideshow
LA CITTA'
Options
14 / 43 ◄   ► ◄  14 / 43  ► pause play enlarge slideshow
LA CITTA'
Options
15 / 43 ◄   ► ◄  15 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
16 / 43 ◄   ► ◄  16 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
17 / 43 ◄   ► ◄  17 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
18 / 43 ◄   ► ◄  18 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
19 / 43 ◄   ► ◄  19 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
20 / 43 ◄   ► ◄  20 / 43  ► pause play enlarge slideshow
I resti della via Traiana, fatta costruire tra il 108 ed il 110 d.C. dall’imperatore Traiano come variante della via Appia per collegare Benevento (Beneventum) a Brindisi (Brundisium), fanno da ideale divisione tra gli edifici pubblici e i quartieri residenziali e artigianali della città romana.
Options
21 / 43 ◄   ► ◄  21 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
22 / 43 ◄   ► ◄  22 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
23 / 43 ◄   ► ◄  23 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
24 / 43 ◄   ► ◄  24 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
25 / 43 ◄   ► ◄  25 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
26 / 43 ◄   ► ◄  26 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
27 / 43 ◄   ► ◄  27 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
28 / 43 ◄   ► ◄  28 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
29 / 43 ◄   ► ◄  29 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
30 / 43 ◄   ► ◄  30 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
31 / 43 ◄   ► ◄  31 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
32 / 43 ◄   ► ◄  32 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
33 / 43 ◄   ► ◄  33 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
34 / 43 ◄   ► ◄  34 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
35 / 43 ◄   ► ◄  35 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
36 / 43 ◄   ► ◄  36 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
37 / 43 ◄   ► ◄  37 / 43  ► pause play enlarge slideshow
IL  PORTO
Options
38 / 43 ◄   ► ◄  38 / 43  ► pause play enlarge slideshow
IL PORTO
Options
39 / 43 ◄   ► ◄  39 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
40 / 43 ◄   ► ◄  40 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
41 / 43 ◄   ► ◄  41 / 43  ► pause play enlarge slideshow
Options
42 / 43 ◄   ► ◄  42 / 43  ► pause play enlarge slideshow
L'ACROPOLI
Options
43 / 43 ◄   ► ◄  43 / 43  ► pause play enlarge slideshow
L'ACROPOLI

PARCO ARCHEOLOGICO DI EGNAZIA

E' l’esempio più esteso di città romana e tardoantica della Puglia.Il sito archeologico si trova nei pressi di Fasano, tra masserie e ulivi secolari che si affacciano sul tratto di mar Adriatico. Testimonia la storia di Egnazia, attivo centro commerciale del mondo antico, il cui primo insediamento risale al XV secolo a.C. (età del Bronzo). Abitata dai Messapi a partire dall’VIII secolo a.C., la città entra a far parte prima della Repubblica e poi dell’Impero romano fino alla sua decadenza nel Medioevo.
Il Parco archeologico di Egnazia, inserito in un piacevole contesto naturalistico-ambientale, è uno dei più interessanti di Puglia.
La città, nota nel mondo antico e citata da autori greci e latini, per la sua posizione geografica privilegiata, fu uno scalo commerciale strategico nel collegamento tra Occidente e Oriente.
Il primo stanziamento, costituito da un villaggio di capanne, sorse nel XVI secolo a.C. ed ebbe una continuità di vita fino all'età del Ferro, quando tutto il territorio della Puglia era abitato dagli Japigi. Intorno alla fine del VI sec. a.C. Egnazia si connotò come insediamento della Messapia, attuale territorio corrispondente alle province di Brindisi e Lecce. A partire dal III sec. a.C., con la presenza dei romani nel territorio, la città si trasformò e nel I sec. a.C. divenne municipio. Assunse grande importanza grazie alla presenza del porto e della via Traiana, comoda variante dell’Appia nel percorso da Roma a Brindisi. Dal VI sec. d.C. la parte bassa dell’abitato venne progressivamente abbandonata e lo stanziamento continuò sull'Acropoli, fino al XIII secolo, all’interno di un’ampia area fortificata.
Della fase messapica di Egnazia restano le poderose mura di difesa e le necropoli, con tombe a fossa, a semicamera e monumentali tombe a camera.

loading